IMPIANTI DI GRANETTATURA DEL CACAO Domenica, 01 Maggio 2022

La TECNO 3 propone per la granettatura delle fave di cacao i suoi impianti, serie FRC, in grado di garantire un’ottima separazione tra granella e buccia. Le caratteristiche distintive sono la struttura compatta, la possibilità di ispezionare tutte le parti dove avviene il processo e la facilità di pulizia e sanificazione.

La frantumazione avviene con il passaggio delle fave attraverso una coppia di rulli, che per la loro particolare configurazione garantiscono una regolarità di pezzatura e riducono al minimo la formazione di particelle fini.
Il cacao granellato cade su un setaccio con settori a maglie di dimensione crescente nella direzione di avanzamento e procede per effetto di una vibrazione oscillatoria orizzontale del setaccio stesso. 

Le granelle (cacao e buccia) scendono quando incontrano il settore della rete con dimensioni superiori alle loro.  I frammenti più grandi, che superano il setaccio con il calibro massimo, sono riportati con una coclea all’alimentatore di partenza per subire un nuovo passaggio attraverso i rulli.

Nella parte sottostante a ciascuna zona è posizionata una piccola tramoggia di raccolta che convoglia le particelle calibrate in un percorso di caduta a labirinto. Una corrente d’aria ascensionale aspira la buccia, di peso specifico inferiore, e la separa dalla granella che è raccolta e inviata all’impianto di macinazione. Il flusso di aspirazione dell’aria è indipendente e regolabile in ogni settore per consentire il miglior risultato di selezione.

Gli impianti di granettatura TECNO 3, serie FRC, sono costruiti interamente in acciaio inox Aisi 304, gestiti da un impianto elettrico completo ed autonomo e proposti con diverse capacità produttive.

Una raccolta dei progetti
sviluppati per le più
importanti aziende dolciarie

La storia di TECNO 3 è il racconto di una lunga serie di successi che hanno portato l'azienda ad acquisire la fiducia delle più importanti aziende dolciarie in Italia e nel mondo.

continua »
Come raggiungerci continua »